jueves, 18 de julio de 2013

Meteorite in Giardino - Torino

Renzo Bellardone
Torino – Fondazione Merz. Martedì 9 luglio 2013  ore 21,30. METEORITE IN GIARDINO 6 F. Liszt: Due Etude dall’opera n. 1, C.Czerny: Quattro studi dalla ‘Scuola della Velocità’, F.Liszt: Grande Etude de Paganini n. 6 in la minore, C.Debussyì: L’Isle Joyeuse, D.Carmarino: ‘Vertigine’ – prima esecuzione assoluta su testo di Rimbaud. Vertigine  installazione di Paolo Leonardo. Suona, Suona Rimbaud ! Musiche a cura di Massimiliano Genot. Voce Recitante – Licia Di Pillo

“NON SI E’ MAI MOLTO SERI A 17 ANNI” è il concetto, che  ripetuto per ben due volte va a contribuire alla costruzione  dell’impianto del melologo  condotto a due voci: l’una è quella del pianoforte sotto l’esperta interpretazione di Massimiliano Genot e l’altra è quella variegata dell’attrice Licia Di Pillo che termina la prima lettura sulla parola “libertà” e sulla cui ultima sillaba si innestano le note di Liszt, introspettive ed intime attraverso l’esaltazione del tocco di Genot. Complici la bella serata dell’estate torinese e la particolare location della Fondazione Merz che ha permesso diverse note registiche, la serata è iniziata con l’arrivo del pianista in bicicletta con l’attrice sul seggiolino posteriore  con  fondale scenico dell’installazione ‘Vertigine’ in nero su fondo rosso di Paolo Leonardo; a vivacizzare la regia l’attrice  ha letto addirittura in  cima ad una scaletta illuminata da occhio di bue rosso (a richiamare il colore dominante dell’installazione) e quasi sospesa nel vuoto ad evocare il senso della vertigine.  Molto  ben assemblata tra parole e musica la serata si è snodata accattivante. Massimiliano Genot, ben noto ed affermato interprete, riesce a trasmettere la leggerezza della giocosità, intervallandola con leit motivs ossessivi a sottolineare la vita maledetta di Rimbaut, fino a scavare nelle viscere della terra e nella profondità dell’io, per concludersi in un pianissimo finale di grande sospensione. Violento ed appassionato, tenero e dolce nel tocco, crea atmosfere impalpabili, ma clamorosamente reali! Licia Di Pillo è raffinata interprete    che sa usare voce e sguardi per coinvolgere ed appassionare con alternanza di intenzioni ed intonazioni, portando il melologo molto vicino ad una composizione operistica, sia per la partecipata esposizione con  chiaro fraseggio che per le tonalità ricercate. Dall’inizio le parole e la musica vanno via via a fondersi fino all’apprezzato melologo finale appositamente scritto da un attento e sensibile Davide Carmarino sull’intero testo di ‘Vertigine’ di Rimbaud, che nell'espressione musicale di Carmarino ha incontrato il suo habitat elettivo. La Musica vince sempre.

No hay comentarios:

Publicar un comentario