domingo, 30 de agosto de 2015

Roberto Fores Veses allo Stresa Festival 2015

Foto: Jean Baptiste Millot

Renzo Bellardone

Carissimo Roberto è un piacere ritrovarti in Italia ed allo Stresa Festival. Poco fa, alla fine della prova, ti ho sentito parlare in ottimo francese: merito del tuo incarico di direttore dell’orchestra d’Auvergne che dirigi dal 2012?

Probabilmente si, ma ti racconto un po’ come sono capitato in Francia: quasi  per  caso. Nel 2007 avevo  vinto il concorso ‘The Evgeny Svetlanov International Conducting Competition’. Quel concorso si teneva con giuria bellissima, da Vladimir Davidovich Ashkenazy al direttore del Bolshoi: quella era una fantastica vetrina ed una  agenzia francese, presente, mi ha individuato e proprio loro  hanno deciso un po’ il mio destino francese. In giuria c’era direttore dell’opera di Montpellier ed ha detto ‘questo è direttore d’opera’. Inoltre in  Francia c’è un ‘Centro nazionale per la diffusione della lirica’ diretto da Raymond Duffaut che oltre a questo dirige anche il Festival d’Orange  e si occupa della lirica in  Avignone ed è patron di tutta la produzione lirica in Francia.  Sono stato scelto per dirigere un ‘Viaggio a Reims’ che poi ha toccato i teatri di tutta la Francia.: ho avuto molto soddisfazione anche perché è un’opera veramente adatta ai giovani; come sai anche a Pesaro è l’opera che viene messa in scena ognoi anno dall’accademia e poi rappresentata durante il Rof.  Poi Raymond Duffaut mi a chiesto di dirigere ‘Cenerentola’ ad Avignone e poi venduta anche a  Vichy città termale un po’ decadente e liberty, ma con un teatro molto bello, una era bomboniera con un’acustica impressionante. ‘Cenerentola’ è stata  in Avignone con orchestra d’Auvergne che incontro per la prima volta. Fin dalle prime battute penso ‘ caspita ma questi suonano bene, sono  molto bravi e quanto sono  disponibili’. Subito nasce un feeling importante. L’anno dopo sono stato invitato per un sinfonico e gli orchestrali hanno detto: ‘vuoi restare’ noi vogliamo te !’  E’ un’orchestra che chiede di lavorare e lavoravano per sezioni alla ricerca di pulizia musicale per arrivare a prodotto eccellente. Così son diventato il loro direttore. Oramai sono tre anni che sono li per tre o quattro  mesi all’anno ed ogni anno facciamo anche ‘opera’ alla continua ricerca di flessibilità. Giro molto il mondo, ma in Francia ovviamente c’è visibilità ed ecco che ho imparato il francese e lo parlo volentieri.

Mi sembra che parli bene anche l’italiano

Cerco di comunicare in italiano, inglese, ovviamente la madre lingua ‘spagnolo’ e  parla anche in russo dopo tutti gli anni vado  in Russia, da quando studiavo in Helsinki ed  in sole quattro ore di treno andavo sovente a San Pietroburgo  al  Mariinsky, ad ascoltare tutto quello che ho  potuto.…

Poi dopo aver girato il mondo ecco che capiti a Stresa ed ancora un oncontro con Noseda:

Noseda prima del 2000 aveva vinto, poco più che trentenne, un concorso in Spagna; in quel tempo io suonavo il violino in orchestra sinfonica a  Valencia, mia città natale.  Avevo  studiato violino  con Anahi Carfi, spalla alla Scala  a Milano e quindi parlavo in italiano. Un giorno arriva quel giovanotto a dirigere  e ‘caspita che bravo’ ! Doveva restare una sola settimana, ma a causa di una indisposizione dell’altro direttore è stato richiesto a Noseda di prolungare la usa permanenza. Ad inizio carriera lui era libero e si è fermato anche per la seconda settimana, mi sono avvicinato ed abbiamo parlato. Da allora  e venuto per diversi anni. Mi ha apprezzato e siamo diventati amici. Allora non pensavo neppure alla direzione ed amavo molto il violino. Dopo aver seguito parecchie  direzioni di Noseda, che seguivo ogni volta che veniva in Spagna, ammetto di aver  fatto un pensierino  sul suggerimento di Noseda di studiare direzione d’orchestra. Ho chiesto suggerimenti e mi ha consigliato l’accademia di Pescara dove lui stesso aveva studiato con Renzetti.   Ho studiato per tre 3 anni a Pescara ed intanto continuavo a lavorare come violinista. Alla fine dei tre anni ho lasciato l’orchestra e mi son  buttato e vado appunto ad Helsinki. Conoscevo Gianandrea ormai da 6 anni. Lui ha diretto a Helsinki e San Pietroburgo e Stoccolma e ci si trovava ogni volta possibile. C’è un bel rapporto  di ammirazione ed amicizia coltivato e mantenuto negli anni.

E dopo Helsinki ?

Finito il periodo in Finlandia  ecco che poi sono arrivato in Auvergne e  dopo aver vinto altri concorsi, ho iniziato  a lavorare in Francia.

Attualmente e nell’immediato futuro?

Noseda mi ha chiamato per fare questa prima mondiale a Stresa ‘La Regina con i capelli d’oro’ di Earl Sono stato talmente contento di questo invito che mi  sono liberato da altri impegni e son corso dal festival in  Svizzera e ‘operarancia per fare questo. Nel 2003 a Stresa ero in Orchestra festival per ‘Don Giovanni’ in qualità di violinista ed ora torno da direttore, dopo dodici anni:  sono molto contento e mi piace anche il  rapporto tranquillo e sereno che si è instaurato con il festival e con l’orchestra: siamo tutti colleghi  e si condivide tutto. Il prossimo concerto sarà   il 30 agosto, con la mia orchestra al “Festival de La Chaise-Dieu” a  La Chaise-Dieu (France).

E poi ancora?

Beh, finalmente vacanze! Ma per poco. Subito dopo inizio a studiare per concerto in Giappone dove tornerò a fine novembre con la l’Orchestre d’Auvergne a fine .


Bene Roberto, ti ringrazio molto per il tempo che hai dedicato a questa intervista e ti faccio un ‘toi toi toi’ per il tuo futuro.

No hay comentarios:

Publicar un comentario