lunes, 8 de junio de 2015

Marie-Claude Chappuis recital, Friburgo Svizzera

Foto: Christoph Lösche

Ramón Jacques

Il Festival del Lied che si realizza nella città di Friburgo e che ha attirato durante la sua storia importanti interpreti operistici e liederistici, ha inaugurato la sua ottava edizione. La formula in questa occasione è stata modificata, e invece di tenere tutti i recital in una sola settimana, ora si offrono durante ogni stagione dell’anno. Il recital della Primavera corrispondeva a quello affidato a Marie-Claude Chappuis, conosciuto mezzosoprano nata in questa località e fondatrice e direttrice del festival, che ha presentato un programma di melodie e canzoni francesi, genere del quale è una specialista. Il Tempio di Friburgo era lo spazio ideale in cui creare un ambiente confortevole e pieno di intimità per la realizzazione di questo recital, che si incentrava su pezzi di tre compositori, Gabriel Fauré, Francis Poulenc e Eric Satie. Marie-Claude Chappuis sa godere di questa musica che conosce bene e canta con dolcezza e musicalità, dando senso ad ogni parola e ad ogni frase che emette, con dizione nitida ed eleganza. E’ una artista che fa di ogni pezzo, corto o lungo che sia, una storia da raccontare e la sa trasmettere al pubblico per commuoverlo ed emozionarlo. Il primo blocco di canzoni di Fauré è stato luminoso con un calore quasi solare come Après un rêve. La sua grazia particolare e simpatia si sono manifestate nei due cicli di canzoni di Poulenc di cui ha interpretato Avant le Cinéma, senza dimenticar Nous voulons une petite soeur o la nota Les chemins de l’amour, con cui letteralmente e senza la necessità di chiudere gli occhi ci ha trasportati in un’ora e in un luogo del passato. Le canzoni di Satie le ha sfumate con espressività e intenzione" e il suo disimpegno è stato coronato da Adieu de l'hôtesse arabe" di Bizet, con testo di Victor Hugo, senza dubbio la miglior canzone del compositore dalla quale Marie Claude ha saputo estrarre la sensualità e l’esotismo contenuti nel testo, con una tonalità vocale duttile e raggiante. Non dimentichiamo di menzionare la notabili interpretazione musicale offerta da Malcolm Martineau, pianista esperto, e competente, che ha saputo creare una simbiosi e una stretta complicità tra tastiera e voce. Come nota curiosa, questo recital è stato registrato per essere poi trasferito su CD, così si potranno rivivere quei momenti.


No hay comentarios:

Publicar un comentario