sábado, 6 de agosto de 2011

LAGO MAGGIORE MUSICA 2011 - gioventù musicale, Zemlinsky Quartet

Foto: Zemlinksy Quartet

Renzo Bellardone

Arona – Casa Usellini , giovedì 4 agosto 2011. Zemlisky Quartet – quartetto d’archi František Souček, violino, Petr Střižek, violino, Petr Holman, viola, Vladimir Fortin, violoncello. Franz Joseph Haydn - Quartetto in do maggiore op 76/3 ‘Kaiser’. Alexander Von Zemlinsky - Quartetto n. 3 op. 19. Josef Suk - Meditazione sull’antico Corale Ceco ‘St.Wenceslas’. Antonin Dvorak - Quartetto in fa maggiore op.96 n.12 ‘Americano’

Casa Usellini con i suoi colori pastello, sbiaditi dal sole e dall’umidità lacustre accoglie i brillanti colori delle interpretazioni dello Zemlisky Quartet. Haydn viene proposto con alcuni suoni ovattati e trattenuti che scendono nel profondo per esaltarsi poi inusualmente vigorosi attraverso emozionanti virtuosismi. Le dissonanze appaiono fin dalle prime battute d’esecuzione del Quartetto n3 di Zemlisky, compositore da rivalutare e certamente da proporre con maggior continuità; ‘arie’ timidamente si affacciano, per tentare subito la fuga, ma vengono riprese….dai violini e dalla viola in uno stato di forte tensione emotiva….rafforzato dal vibrato del violoncello. Gli interpreti traggono suoni che appaiono ‘silenziati’ riuscendo nell’imitazione della voce umana in una delicatissima e poetica stilla di piacere uditivo, sommesso ma profondo fino alla più nascosta sorgente di timidi sentimenti. Coerente scelta filologica Josef Suk e poi Dvorak, infatti il primo fu allievo del secondo di cui sposò anche l’ultima figlia. Parafrasando il Manzoni si potrebbe dire: ‘Suk ..chi era costui?’, ma dopo l’ascolto non interessano più le note biografiche, ma la purezza della composizione: la viola da voce all’intima coscienza, il violoncello ritma il tempo che inesorabile scorre ed i violini incitano al misticismo, in un inevitabile confronto con le cose del mondo. Dvorak ! quanta positiva influenza il viaggio in America !!!! ‘Americano’ è ricco di nostalgici ricordi del lontano Ovest, descritto quasi fotograficamente e degli spirituals che gli cantava il suo allievo Burleigh: voci, echi, motivi popolari, ballate intorno ad un fuoco e barche che viaggiano lente su un ampio fiume, lavori nei campi. La città è sovente lontana, ma nella descrizione paesaggista che tratteggia lo Zemlisky quartet c’è tantissima palpabile emozione che viene trasmessa ed epidermicamente recepita da un silenzioso e partecipativo pubblico. I Bis: con la ’Danza dei Commedianti’ i quattro concertisti hanno dimostrato tutta la loro bravura virtuosistica e con una ‘Barcarola’ hanno nuovamente commosso in un ideale viaggio dalle tradizioni ceche al ‘mondo nuovo’ andata e ritorno !!! Anche individualmente meritevoli di apprezzamenti, dimostrano alta professionalità cui aggiungono molto istinto e passione con cui hanno coinvolto in un’offerta musicale sapientemente dosata tra il ‘puro pensare’ ed il ‘comune sentire’ in un caleidoscopio di variegate sfumature colorate. La Musica vince sempre.

No hay comentarios:

Publicar un comentario